Iscriviti alla newsletter di Sanganeb!

Utilizzando questo form puoi iscriverti alla newsletter di Sanganeb. Ricevere le novità e i diari di bordo periodici sono due delle tante cose che si possono ottenere iscrivendosi.
Clicca qui se non vuoi più visualizzare questo messaggio
Navigation Menu
Mahon – Porto Pedro 30 Maggio2014

Mahon – Porto Pedro 30 Maggio2014

  • Data: 30/05/2014
  • Luogo: Mahon
  • Miglia Percorse: 585

 

 

Rimaniamo a Mahon tre giorni in completo relax ad attendere un miglioramento del tempo per dirigerci a Cabrera la prossima tappa che ci consentirà di visitare il bellissimo arcipelago, uno dei più grandi parchi marini del mediterraneo. In precedenza più volte avevo tentato di sbarcarvi ma purtroppo il numero di barche che possono ormeggiare alle boe è contingentato ed essendo molte le richieste non mi è mai stato possibile andarci.

Ora non essendo ancora iniziata la stagione estiva voglio approfittare di questa opportunità per visitarla e per fare qualche immersione. Riusciamo con non poca fatica a prenotare una boa per tre giorni anche se ogni giorno dovremo cambiarla per via di altre prenotazioni già esistenti; la tariffa per l’ormeggio è di 25 euro al giorno più 5 per l’immersione paghiamo il dovuto in via telematica tramite carta di credito e dopo aver fatto un’adeguata cambusa (l’isola non è abitata quindi non ci sono possibilità di rifornimento alcuno) ci prepariamo per la partenza all’alba di domani

Cuoco a bordo...finalmente

Cuoco a bordo…finalmente

Partenza alle 06:00, da Cabrera ci separano 90 miglia e decidiamo di non sobbarcarci altre navigazioni notturne quindi divideremo la navigazione in due tappe: la prima di 65 miglia fino a Puerto San Pedro, la seconda di 25 miglia fino a Cabrera dove arriveremo per l’ora di pranzo. Arriviamo a Puerto San Pedro nell’isola di Maiorca alle 5 del pomeriggio, ormeggiamo con fatica nel piccolo marina e prima di andare a visitare il luogo chiedo al responsabile del porto il costo dell’ormeggio, lui controlla il tariffario e dice che terrà conto non dei 13 metri effettivi di lunghezza della barca bensì di 12, al che io lo ringrazio della gentilezza e lui fatti i calcoli mi spara 170 euro per notte io lo guardo esterrefatto e gli dico di ricontrollare il conteggio ma lui imperterrito mi riconferma sillabando in perfetto italiano 170 euro, raduno immediatamente l’equipeggio che ormai si era riversato nei vari negozietti locali, dico al tipo che può tenersi il suo ormeggio e immediatamente usciamo dal porto e ci ormeggiamo ad un gavitello nell’antiporto, alla faccia sua, del marina e dei 170 euro.

« Ritorna al Diario di Bordo