Iscriviti alla newsletter di Sanganeb!

Utilizzando questo form puoi iscriverti alla newsletter di Sanganeb. Ricevere le novità e i diari di bordo periodici sono due delle tante cose che si possono ottenere iscrivendosi.
Clicca qui se non vuoi più visualizzare questo messaggio
Navigation Menu
Favignana – Villasimius 20/05/2014 miglia 260

Favignana – Villasimius 20/05/2014 miglia 260

  • Data: 20/05/2014
  • Luogo: Sardegna Villasimius
  • Miglia Percorse: 260

Puntuale come l’Agenzia delle entrate Giorgio bussa alla mia cabina alle 05:00 ci attendono 150 miglia di mare aperto in direzione Ovest. Salutiamo Favignana con il rimpianto di non esserci potuti trattenere di più. Il vento è completamente assente, speriamo che arrivi come da previsioni più avanti, dopo circa 4 ore di navigazione al largo dell’isola di Marettimo qualcosa in acqua colpisce la mia attenzione, il mare pullula di meduse della specie Caravella Portoghese di

in navigazione

in navigazione

dimensioni ridotte sui 6/7 centimetri rispetto alla media 10/15 centimetri ma comunque molto pericolosa e persino mortale, è la prima volta che le incontro, cerco di fotografarle ma il riverbero dell’acqua me lo impedisce. Finalmente intorno a mezzogiorno si alza il vento nella giusta direzione, alziamo le vele e via al gran lasco: Sanganeb viaggia alla folle velocità di 6 nodi! Tutti pensano che, viste le performance dei catamarani di Coppa America, un catamarano da crociera come il mio navighi a velocità folle, tutt’altro! Sanganeb è una lumaca anzi per stare in tema una tartaruga e la ragione è determinata dal fatto che con tutto il materiale stivato a bordo e le attrezzature varie quando raggiungo i 6 nodi di velocità sono ultra soddisfatto, se tocco i 7 è un orgasmo. Al sopraggiungere della notte il vento cala fino a dover accendere i motori ma anche questo non è male perché i miei due compagni di avventura non sono ancora pronti per la navigazione a vela notturna e a tal proposito decidiamo per i turni di guardia di 2 ore e 4 di riposo, io dormirò in pozzetto pronto ad intervenire in caso di necessità. Mettiamo il radar e l’AIS con l’allarme a 6 miglia così se dovesse entrare nel raggio di allarme una nave ho tutto il tempo per manovrare e questo in considerazione del fatto che i cargo viaggiando ad una velocità media di 20/25 nodi quindi io ho circa 15 minuti per intervenire di conseguenza. La notte passa tranquilla stiamo ormai navigando da 24 ore e tra poco dovremmo avvistare le propaggini della Sardegna. Con l’alba si alza anche un forte vento 25 nodi al traverso che ci obbliga a terzarolare la randa di ben due mani, la velocità sfiora gli 8 nodi, la Sardegna è in vista e alle 09:00 siamo ormeggiati nel sicuro marina di Villassimius, fuori è già burrasca.

« Ritorna al Diario di Bordo